Benvenuto

Benvenuto nel sito “Insangodenzo”, questo sito raccoglie tutte le informazioni sugli operatori turistici, attività commerciali, artigiani e piccoli produttori agricoli, news curiosità e quant'altro riguarda gli eventi nel comune di San Godenzo.

IN TOSCANA, al confine tra MUGELLO e VAL DI SIEVE, prendendo da DICOMANO la direzione verso FORLì, dopo circa 10 chilometri quasi al confine con la ROMAGNA , tra la valle dell'ACQUA CHETA ed il MONTE FALTERONA, troviamo il paese di SAN GODENZO, nella cui famosa abazia nel 1302 DANTE ALIGHIERI convenne con gli esuli guelfi bianchi e Ghibellini.

SAN GODENZO comune della MONTAGNA FIORENTINA ha una notevole estensione territoriale ed ha un dislivello tra il punto più alto (M. Falco, m 1658) e quello più basso (oltre Ponte alla Corella, m 240) di oltre 1400 metri, mostrando delle caratteristiche rudemente alpestri, con monti strapiombanti e profonde vallate. Dal territorio del Comune di San Godenzo, nella frazione de Il CASTAGNO D'ANDREA è possibile entrare nell'area protetta del PARCO NAZIONALE FORESTE CASENTINESI, MONTE FALTERONA e CAMPIGNA, una tra le piu'suggestive porte del versante fiorentino del Parco.

martedì 22 maggio 2018

Raccolta dell’organico, possibili disagi nei Comuni serviti da AER


Raccolta dell’organico, possibili disagi nei Comuni serviti da AER




Causa problemi sugli impianti di recupero materiale organico anche nei sette comuni della Valdisieve e del Valdarno fiorentino serviti da AER Spa potranno verificarsi disservizi rispetto al servizio di igiene urbana.
Appresa la notizia dell’interruzione di conferimento FORSU (frazione organica del rifiuto solido urbano) all’impianto di casa Rota nel Comune di Terranuova Bracciolini per causa di forza maggiore e vista la conclamata saturazione di molti impianti a livello regionale anche AER potrebbe avere problemi di gestione. L’Azienda, ad oggi, si impegna a garantire il rispetto dei calendario di ritiri giornalieri nei Comuni gestiti con raccolta porta a porta dei rifiuti urbani, mentre gli uffici stanno verificando soluzioni e destinazioni alternative ai flussi di rifiuti.
AER, confermando il massimo impegno nel continuare a ricercare possibili soluzioni al problema, si scusa fin da oggi con gli utenti dei comuni di San Godenzo, Dicomano, Londa, Rufina, Pontassieve, Pelago e Reggello, ed invita coloro che sono in possesso di compostiera ad incentivarne l’utilizzo ed alla massima collaborazione in merito.


CERCASI INFERMIERE PROFESSIONALE

CERCASI INFERMIERE PROFESSIONALE
La Residenza Sanitaria Nuova Villa Rio in San Godenzo (FI) cerca 1 Infermiere Professionale da inserire nel proprio organico.
Si prega di inviare Curriculum via mail a: amministrazione@nuovavillario.it o via fax al n. 055/8374454


A1, chiusa l'uscita della stazione di Firenze Impruneta

Sulla A1 Milano-Napoli, dalle ore 22:00 di giovedì 24 alle ore 04:00 di venerdì 25 maggio, sarà chiusa l'uscita della stazione di Firenze Impruneta, per chi proviene da Roma.

L'uscita sarà chiusa, come comunica Autostrade, per lavori di ripristino della segnaletica verticale. 

In alternativa Autostrade consiglia di uscire alla stazione autostradale di Firenze sud. 


Sabato 26 maggio ore 21.00 " la guerra del Gaddus"

Sabato 26 maggio ore 21.00, 
per gli eventi della mostra : 
"In memoria dei ragazzi di San Godenzo 1915-1917" 
un appuntamento  da non perdere con il teatro, con la memoria e con la passione di giovani che non vogliono far dimenticare.


lunedì 21 maggio 2018

Redditi e case in Mugello e Valdisieve

Redditi e case in Mugello e Valdisieve

Recentemente l’Irpet ha messo a disposizione degli enti locali un osservatorio territoriale attraverso il quale è possibile conoscere tutta una serie di dati relativi ai singoli comuni e ad aree omogenee che sono indispensabili ai fini di una corretta programmazione urbanistica e di importanti scelte amministrative.
In questa occasione mi limiterò ad analizzare solo tre aspetti che ritengo essere di fondamentale importanza ovvero il reddito, il tasso di occupazione e il numero di abitazioni in rapporto alla popolazione.
I dati riportati nelle schede Irpet non sono tutti riferiti agli stessi anni e per alcuni il riferimento è sempre il censimento Istat, ma sono comunque indicativi per capire come il Mugello e la Valdisieve si stanno evolvendo e quali sono le differenze all’interno dello stesso territorio.

Intanto va notato che il Mugello e la Valdisieve insieme denunciano un reddito ai fini Irpef di oltre un miliardo e mezzo di euro ( che è circa quanto il Pil del solo Mugello) con variazioni nelle dichiarazioni del singolo contribuente anche molto significative.
In testa alla nostra gradutoria dei redditi irpef per contribuente troviamo Vaglia con quasi 20.000 euro ed è abbastanza comprensibile essendo fatto un comune periferico dell’area fiorentina , la più ricca della regione Toscana. Ma al secondo posto troviamo il comune di Londa con 18.716 euro. In una realtà con pochi abitanti la presenza di alcuni contribuenti facoltosi alza la media.
Al terzo e quarto posto si collocano i due capoluoghi delle zone ovvero Pontassieve e Borgo divise da appena 100 euro 18.453 la prima e 18.346 Borgo. Sopra quota 18.000 seguono Scarperia e San Piero (18.275), Rufina (18.191), Pelago (18.136), Barberino (18.123) mentre più staccati troviamo Dicomano (17.472), Vicchio 17.281. Sotto quota 17.000 troviamo i comuni montani con Palazzuolo sul Senio a 16.670, San Godenzo 16.488, Marradi 16.480 e infine Firenzuola a 15.707. Sono differenze significative per comuni dove le difficoltà di amministrare sono sicuramente maggiori che non in realtà di fondovalle.
I comuni montani fanno però registrare risultati migliori di molti altri comuni più importanti sul tasso di occupazione. Ad esempio Palazzuolo ha un tasso di occupazione maschile del 68,7 e femminile del 62,6 mentre Borgo San Lorenzo si ferma la 65,9 per i maschi e addirittura la 59,2 per le femmine ( solo Londa fa peggio con il 56,5). Il comune con i dati migliori è Rufina con un tasso maschile del 69,1 e quello femminile del 63,1, ma sopra il 68 ci sono anche Marradi, Firenzuola e Scarperia. San Godenzo si avvicina al tasso di Borgo per gli uomini (65.5) ma fa molto meglio con le donne al 61,8% così come Marradi 62,3 ( Firenze ha un tasso di occupazione femminile del 62,3 e quello maschile al 67). Oltre al tasso di occupazione che è fondamentale conta ovviamente anche la qualità del lavoro che necessiterebbe di ben altre analisi per capire come un alto tasso di occupazione, per esempio a Firenzuola, si rapporti al livello di reddito più basso.
Un dato interessante contenuto nelle schede Irpet è quello relativo al numero di abitazioni disponibili per singolo comune in rapporto al numero di famiglie residenti. In un momento in cui si sta discutendo, per esempio in Mugello, di piani strutturali non più per singolo comune ma di area vasta, questo dato permette di valutare la necessità di future edificazioni a fini abitativi.
Ebbene i dati ci dicono che le abitazioni disponibili sono ben superiori delle famiglie residenti e, tenendo conto di una tendenza demografica di sostanziale stallo, dovrebbero consigliare di evitare inutili sprechi di territorio e inutili cementificazioni.
Per 100 famiglie residenti ci sono 113 abitazioni a Pontassieve che essendo quasi una periferia dell’area fiorentina è quello sicuramente  sottoposto alla maggiore pressione. Ma si sale già a 120 perfino a Vaglia e superano questa soglia anche Borgo, Scarperia e San Piero ,Barberino e Rufina. Se Dicomano arriva a 123,7 , Vicchio supera 134 e i comuni montani e periferici hanno un patrimonio immobiliare nettamente superiore rispetto alle famiglie residenti con Londa 161,8, Marradi 161, San Godenzo 193 , Firenzuola 214 e Palazzuolo 215.
Questo non significa che non esista un problema casa per molte famiglie ma che parte di questo patrimonio potrebbe essere reecuperato proprio per dare una risposta alla domanda di edilizia residenziale pubblica che oggi non trova una risposta adeguata.

Temporali, prorogata fino a domani l'allerta gialla per rischio idrogeologico

Temporali, prorogata fino a domani l'allerta gialla per rischio idrogeologico

Interessati i corsi d'acqua secondari: in particolare Ema, Mugnone e Terzolle 

Prorogata fino a domani l'allerta gialla per temporali forti e conseguente rischio idrogeologico/idraulico nel cosiddetto 'reticolo minore' che comprende i corsi d'acqua secondari (soprattutto Ema, Mugnone e Terzolle). 
Lo segnala il centro funzionale regionale nel nuovo bollettino di valutazione delle criticità per la zona che riguarda sia il Comune di Firenze che quelli di Bagno a Ripoli, Fiesole, Greve in Chianti, Impruneta, Lastra a Signa, Pontassieve, San Casciano in Val di Pesa, Scandicci e Tavarnelle Val di Pesa. 
L'allerta scattata alle 12 di oggi, lunedì 21 maggio, si concluderà alla mezzanotte di mercoledì 23 maggio. 

Oggi, lunedì, e domani, martedì, la pressione sul Mediterraneo centro occidentale è in lento calo; la progressiva instabilizzazione dell'atmosfera e il transito di una linea di instabilità renderanno possibili temporali anche forti sia oggi, lunedì, che domani, martedì. 
PIOGGIA E TEMPORALI FORTI: 
oggi, lunedì, nel corso del pomeriggio temporali sparsi anche forti più probabili sulle zone interne; in serata precipitazioni diffuse con temporali sparsi, localmente forti, più probabili sul nord ovest, Valdarno Inferiore e costa centro settentrionale. 
Cumulati: medi fino a significativi su tutte le aree. Massimi puntuali fino a elevati, intensità oraria fino a molto forte. 
Domani, martedì, piogge diffuse durante la notte con possibilità di temporali sparsi, localmente forti, più probabili sul nord ovest, Valdarno inferiore e costa centro settentrionale. Nel corso della mattina temporanea attenuazione dei fenomeni. Dal pomeriggio nuova instabilizzazione con possibili temporali sparsi anche forti e associati a grandinate e forti raffiche di vento, più probabili sulle zone interne centro-settentrionali. 
Cumulati: medi fino a significativi su tutte le aree. 
Cumulati massimi: fino a elevati più probabili sulle zone interne, sul nord ovest, sul Valdarno Inferiore e sul litorale centro settentrionale, con intensità oraria fino a molto forte. 

Per informazioni sui fenomeni previsti: 
http://www.regione.toscana.it/allertameteo 
http://www.cfr.toscana.it 

Per informazioni sui rischi e su come comportarsi: 
http://www.regione.toscana.it/-/rischio-idrogeologico-idraulico 



In memoria dei giovani di San Godenzo nella Grande Guerra 1915-1918

Dal 25 maggio in memoria dei ragazzi di San Godenzo
1915-1918
Tante iniziative, tante storie da raccontare




BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2018/19

BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2018/19

Misura di sostegno alle famiglie per le spese sostenute per la frequenza scolastica di studenti iscritti a scuole secondarie di primo e secondo grado.
Il “Pacchetto scuola” per l'anno scolastico 2018/2019 è destinato a studenti residenti in Toscana, iscritti ad una scuola secondaria di primo o secondo grado, statale, paritaria privata o degli Enti locali, appartenenti a nuclei familiari con indicatore economico equivalente ISEE non superiore all’importo di € 15.748,78.
Il “Pacchetto scuola” può essere erogato in presenza dei seguenti requisiti:
• requisiti economici: l’ISEE del nucleo familiare di appartenenza dello studente, o ISEE minorenne nei casi previsti, calcolato secondo le modalità di cui alla normativa vigente, non deve superare il valore di 15.748,78 euro;
• requisiti anagrafici: residenza, età non superiore a 20 anni (da intendersi sino al compimento del 21esimo anno di età, ovvero 20 anni e 364 giorni).

Ai fini della partecipazione al presente bando la documentazione da presentare è la seguente:
• la domanda d’ammissione al bando diretta al Sindaco del comune di residenza dello/della studente/studentessa;
• la copia fotostatica non autenticata di un documento d’identità, in corso di validità, del dichiarante, nel caso in cui la domanda non sia sottoscritta in presenza del dipendente addetto (art. 38 del D.P.R. n. 445/2000);
• il richiedente la concessione “Pacchetto scuola” deve dichiarare qual è la situazione economica del proprio nucleo familiare, come da attestazione ISEE, in corso di validità, rilasciata in applicazione del D.P.C.M. n. 159/13.

La domanda d’ammissione al bando deve essere presentata all’ufficio protocollo del comune entro il 9 Giugno 2018.


Bando per l'assegnazione dell'incentivo economico " pacchetto scuola"  anno scolastico 2018/2019:
http://www.comune.san-godenzo.fi.it/sites/www.comune.san-godenzo.fi.it/files/documenti/allegato_a_bando.pdf

Comune di San Godenzo " pacchetto scuola"  anno scolastoco 2018-2019 domanda di ammissione al bando:
http://www.comune.san-godenzo.fi.it/sites/www.comune.san-godenzo.fi.it/files/documenti/allegato_b_domanda.pdf



domenica 20 maggio 2018

21 MAGGIO 2018 CODICE GIALLO PER RISCHIO IDROGEOLOGICO IDRAULICO RETICOLO MINORE E TEMPORALI FORTI

21 MAGGIO 2018 CODICE GIALLO PER RISCHIO IDROGEOLOGICO IDRAULICO RETICOLO MINORE E TEMPORALI FORTI
Si informa che la Regione Toscana ha emesso il seguente avviso di criticità per il territorio dell'Unione di Comuni:
CODICE GIALLO PER RISCHIO IDROGEOLOGICO IDRAULICO RETICOLO MINORE E TEMPORALI FORTI dalle ore 12.00 alle ore 23.59 lunedì, 21 maggio 2018 per le aree A2, A3 e M dell'Unione di Comuni (Comuni di Pontassieve, Rufina, San Godenzo, Londa, Pelago e Reggello).
Anche in altre zone della Regione Toscana sono previsti codici gialli per gli stessi tipi di rischio.
Per Informazioni di dettaglio sugli avvisi di criticità, le aree di allerta e andamento meteo consultare www.cfr.toscana.it
Per informazioni su rischi connessi all'allerta meteo consultare http://www.regione.toscana.it/allertameteo
Previsione fino alle 24 di domani (fonte: www.cfr.toscana.it 20-05-2018):
PIOGGIA: oggi, domenica, possibilità di isolati temporali sulle zone interne di breve durata e in cessazione serale. Domani, lunedì, avvicinamento di una lenta perturbazione (ci interesserà anche nella giornata di martedì) con temporali sparsi dal pomeriggio e in serata, anche localmente forti, possibili su tutta la regione anche se più probabili e frequenti sulle zone centrali.
Cumulati: oggi medi non significativi e massimi puntuali fino a 20-30 mm, intensità orarie fino a 20-30 mm. Domani, lunedì, medi fino a 20-25 mm sulle zone centrali, altrove medi intorno a 10 mm, massimi puntuali fino a 50-60 mm, intensità orarie fino a 30-40 mm.
TEMPORALI: oggi, domenica, possibilità di isolati temporali sulle zone interne di breve durata in cessazione serale. Domani, lunedì, possibilità di temporali sparsi dal pomeriggio e in serata, anche localmente forti, possibili su tutta la regione anche se più probabili e frequenti sulle zone centrali.
VENTO: nulla da segnalare.
MARE: nulla da segnalare
NEVE: nulla da segnalare
GHIACCIO: nulla da segnalare


martedì 15 maggio 2018

A TAVOLA CON LUISANNA MESSERI PER BENEFICENZA

A TAVOLA CON LUISANNA MESSERI 

PER BENEFICENZA


Sabato 19 maggio 2018 alle ore 12,30 presso la sede del PD, via Sacco e Vanzetti accanto alle Poste di Borgo San Lorenzo si terra’ il pranzo Sociale: “ MANGIARE SANO & BENE SI PUO’ : TUTTI A TAVOLA CON LUISANNA MESSERI “ organizzato da SPI-CGIL del Mugello, Sez Soci della COOP-FI di Borgo San Lorenzo e Vicchio, AUSER Verde Argento, Patrocinato dal Comune di Borgo San Lorenzo.
Il pranzo è aperto a tutti gli interessati e servirà per riscoprire ricette tradizionali in linea con gli obiettivi di salute e di valorizzazione dei prodotti locali:
Nei locali si potrà anche visitare la mostra fotografica di Elisabetta Fascione.
Il ricavato sarà devoluto all’associazione Artemisia.
Per prenotarsi bisogna telefonare al Sindacato Pensionati della CGIL:

Borgo san lorenzo 055 8402626 oppure 348 9109598
Barberino  055 841443 oppure 349 7209111
Marradi 055 8045115 oppure 366 5338 643
Auser Verde Argento 333 4746845
Al pranzo intervengono : l’assessore alle politiche socialid el comune di Borgo San Lorenzo Ilaria Bonanni, Valeria Cammelli della Cgil Mugello, Sergio Giuliattini dell’Auser Verde argento, Giorgio Capecchi della sez Soci Coop e Claudio Zantonetti,LOrenzo Bartoloni e Luciano Benerecetti del Sindacato pensionati cgil.


16 maggio open day della scuola senza zaino di San Godenzo



16 Maggio 2018-  Senza Zaino Day 


9.30-10.00  Illuminiamo il Futuro-Save The Children
10.00-10.30: Festa Nuovi Nati
10.30-12.00: recita dei genitori "Indietro nel tempo con l'APP(car)"
a seguire, visita al Museo allestito dai Bambini di Seconda




Assegni familiari: ecco le nuove tabelle dal 1° luglio

Assegni familiari: ecco le nuove tabelle dal 1° luglio

L'Inps aggiorna i redditi ai fini del conseguimento degli assegni per il nucleo familiare per il periodo intercorrente tra il 1° luglio 2018 ed il 30 giugno 2019

Con la circolare numero 68 dell'11 maggio 2018 , l'Inps annuncia la rivalutazione dei livelli di reddito delle tabelle contenenti gli importi mensili degli assegni al nucleo familiare, in vigore per il periodo 1° luglio 2018 – 30 giugno 2019. La circolare specifica inoltre che gli stessi livelli di reddito avranno validità per la determinazione degli importi giornalieri, settimanali, quattordicinali e quindicinali della prestazione

Assegni familiari, nuovi importi e limiti di reddito

In aumento i redditi che consentono l'attribuzione degli assegni per il nucleo familiare dal prossimo 1° luglio sino al 30 giugno 2019. La circolare chiarisce la misura dei redditi a cui fare riferimento per la determinazione dell'importo dell'assegno dal prossimo 1° luglio.
Si ricorda che la misura della prestazione assistenziale fornita dall'Inps è legata principalmente al reddito complessivo del nucleo familiare, che non deve superare i limiti annuali indicati dalla legge e rivalutati ogni anno in base agli indici Istat. La misura dà sostegno alle famiglie dei lavoratori dipendenti e dei pensionati da lavoro dipendente, i cui nuclei familiari siano composti da più persone e che abbiano redditi inferiori a quelli determinati ogni anno dalla Legge.
La legge n. 153/88 spiega come i livelli di reddito familiare ai fini della corresponsione dell'assegno per il nucleo familiare sono rivalutati annualmente, con effetto dal 1° luglio di ciascun anno, in base alla variazione dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, calcolato dall'Istat, intervenuta tra l'anno di riferimento dei redditi per la corresponsione dell'assegno e l'anno immediatamente precedente.
In questo anno, l'aggiornamento dei redditi è legato all'aumento dell'inflazione che lo scorso anno ha subito una salita dell'1,1%.

Assegni familiari, come presentare la domanda

La domanda per gli assegni familiari si presenta tramite modulo compilato a cura del lavoratore che può riempire il modello personalmente o con l'aiuto di un patronato.
Alla dichiarazione serve allegare il reddito complessivo percepito nel 2017 ricavabile dalla dichiarazione dei redditi, la Certificazione unica e una copia del documento di riconoscimento. I nuclei familiari devono essere composti da più persone e il reddito complessivo deve essere inferiore a quello determinato ogni anno dalla legge.


lunedì 14 maggio 2018

A1 Panoramica, per un mese chiude tra l’allacciamento Direttissima e Roncobilaccio


A1 Panoramica, per un mese chiude tra l’allacciamento Direttissima e Roncobilaccio


Autostrade per l'Italia comunica che sulla A1 Milano-Napoli, per consentire lavori di riqualifica, dalle ore 06:00 di mercoledì 16 maggio alle ore 06:00 di lunedì 18 giugno, sarà chiuso il tratto compreso tra l'allacciamento con la A1 Direttissima e Roncobilaccio, in direzione di Bologna

L'area di servizio 'Roncobilaccio est', situata all'interno del tratto chiuso, sarà accessibile soltanto dalla stazione di Roncobilaccio

Pertanto, chi proviene da Firenze ed è diretto verso Bologna, dovrà percorrere l'A1 Direttissima

In alternativa, per l'ingresso in A1 Panoramica, si consiglia di percorrere la A1 Direttissima, uscire alla stazione di Badia e rientrare, sulla A1 Panoramica, alla stazione autostradale di Pian del Voglio, per proseguire in direzione di Bologna. 




In Toscana passa la legge sull'agricoltura contadina

In Toscana passa la legge sull'agricoltura contadina

È stata approvata all'unanimità dal Consiglio regionale della Toscana la legge che andrà a tutelare i piccoli sistemi produttivi locali a fondamento dell'agricoltura contadina. Uno dei consiglieri firmatari della proposta di legge spiega: «Ora la Giunta regionale ha 180 giorni di tempo per emanare il regolamento e le linee guida per le procedure di autocontrollo”.

Salvaguardare i piccoli sistemi produttivi consolidati, tipici della tradizione toscana e mantenere un presidio di agricoltura di dimensione contadina, introducendo la possibilità di trasformare e lavorare i prodotti all'interno delle stesse aziende e la loro vendita nei mercati locali. E' quanto prevede una proposta di legge sull'agricoltura contadina approvata all'unanimità dal Consiglio regionale della Toscana.
Il testo nasce dalla fusione di due proposte di legge di iniziativa consiliare che vedono fra i primi firmatari, rispettivamente, Tommaso Fattori (capogruppo Sì Toscana a sinistra) e Serena Spinelli (capogruppo Mdp), e definisce i destinatari degli interventi, le modalità per l'avvio dell'attività, i requisiti dei locali da utilizzare per la lavorazione dei prodotti e le eventuali sanzioni.
Secondo Fattori e Spinelli "questa legge compie un grande passo in avanti, offrendo alle piccole e piccolissime realtà agricole la possibilità di condurre all'interno delle proprie strutture tutti i passaggi della produzione nel rispetto dei requisiti igienici ed edilizi stabiliti dalla legge, e tenendo conto dei contesti rurali in cui si svolgono i processi".
Tommaso Fattori e il collega di partito Paolo Sarti commentano: “E’ un risultato importante per il mondo contadino, che nasce dalle tante proposte e considerazioni d’innumerevoli reti di piccoli agricoltori, dei Gruppi di Acquisto Solidale e di Slow Food. Si semplifica così la vita a tante realtà, alle aziende familiari, alle piccole cooperative che vendono e fanno degustare, per esempio nelle fiere e nei mercatini locali, prodotti agricoli che non si prestano ad una lavorazione industriale. Semplificare per evitare di rimaner stritolati da una burocrazia priva di senso o da costi irragionevoli. I contadini potranno quindi utilizzare anche la cucina di casa propria o un locale “polifunzionale” della propria piccola azienda per lavorare, trasformare e confezionare i propri prodotti per poi venderli nel solo mercato locale della provincia o di quelle confinanti. Il tutto, tenendo conto degli ambienti rurali in cui si svolgono i processi, nel rispetto dei requisiti igienici ed edilizi di legge”.ù
“Sostenere la piccola agricoltura e la filiera corta è fondamentale per il contrasto allo spopolamento delle aree montane e collinari, la tutela della biodiversità, la cura dei nostri suoli e la conservazione dell’enorme diversità di prodotti locali tipici e di alta qualità dei nostri territori. Con questa legge inoltre si dà un aiuto concreto per integrare il reddito delle tante persone, soprattutto giovani, che per motivi economici e per passione sono tornate in numero crescente a riscoprire i lavori legati alla terra, a un’agricoltura di piccola scala, naturale o biologica, e slegata dal grande business”.
“A questo punto confidiamo nel fatto che la Giunta regionale rispetti i tempi – 180 giorni dall’entrata in vigore della legge – per emanare le linee guida relative alle procedure di autocontrollo e il regolamento di attuazione con cui definire i requisiti strutturali ed igienico-sanitari, nel rispetto di quanto previsto dai regolamenti europei”.
Il testo di legge è consultabile a seguito.




Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campiglia conquista l'Oscar per l’ecoturismo 2017 di Legambiente/Federparchi

Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campiglia conquista l'Oscar per l’ecoturismo 2017 di Legambiente/Federparchi

Il Parco conquista l'Oscar per l’ecoturismo 2017 di Legambiente/Federparchi

Per il progetto "Festasaggia", il Parco Nazionale Foreste casentinesi, monte Falterona e Campigna ha ricevuto l’Oscar per l’ecoturismo di Legambiente, una delle principali associazioni ambientaliste italiane, e Federparchi, la Federazione italiana parchi e riserve naturali. Nato per iniziativa dell'Ecomuseo del Casentino trova ragione di sé nella volontà di promuovere all’interno di sagre e feste paesane alcune buone pratiche legate alla valorizzazione, alla promozione dei prodotti e del patrimonio culturale, nonché alla tutela del paesaggio. Ma particolare attenzione è anche rivolta alla gestione virtuosa dei rifiuti e al risparmio energetico.
La collaborazione tra Slow food e il Parco è nata alcuni anni fa con "L'Appennino che verrà". E l'associazione di "Carlin" Petrini gioca un ruolo strategico anche in questa iniziativa, attraverso il coinvolgimento fattivo delle condotte di Forlì - Appennino forlivese, del Casentino, e del Mugello e Levante fiorentino. Il programma Festasaggia è all’interno di un altro grande traguardo che il Parco si è dato, coordinandone l'articolazione territoriale, quello della Carta europea del turismo sostenibile (Cets). Una recente novità è l'offerta formativa rivolta a organizzatori e operatori delle feste paesane, anche nel campo delle strategie di promozione. Sui consumabili biodegradabili si sta lavorando anche nella direzione degli acquisti centralizzati al fine di abbattere i costi.
I sapori e i profumi di primavera nella tradizione popolare sono alla base della Festa delle erbe spontanee di Selvapiana, prima iniziativa della stagione 2018 di Festasaggia. Munendosi di un cesto di vimini e scarpe comode ci si potrà immergere in un percorso naturale tra saperi e sapori tutto dedicato alle erbe spontanee. Il percorso escursionistico guidato inizia alle 9,30.
Il profumatissimo pranzo, con menù a base di erbe spontanee, prevede crostoni misti con erbe di campo, frittatine alle cime di vitalba, primule fritte, tortelli di erbe di campo alla lastra, zuppa di farro alle orecchie di lepre, tagliatelle agli stridoli, cappellacci alle ortiche, arrotolato di vitello al ginepro, erbette saltate con aglio selvatico e torta primavera. E' prevista anche una mostra di erbe dal vivo, organizzata dal Gruppo micologico e botanico valle del Savio A.M.B. di Cesena. Per informazioni: 348 4403347 e 339. 3055802; plselvapiana@gmail.it; www.prolocoselvapiana.it
La rassegna continua il 16 e 17 giugno a Londa (tel. 333. 4292316) con "Il fusigno d'estate", due giorni per celebrare “il bardiccio“ e, dal 18 al 23 Luglio, a Pratovecchio Stia, con Naturalmente pianoforte, cinque giorni di altissimo livello musicale dedicati agli "88 tasti" (ass. Pratoveteri, tel. 329 5829483; www.naturalmentepianoforte.it). Seguono, tra le altre: il 28 luglio, la Festa della battitura di Castagno d'Andrea (San Godenzo); il 4 agosto la Mangialonga di Badia Prataglia; l'11 e il 12 agosto "Il sapore di una volta" di Premilcuore, dal 12 al 14 agosto la Festa del tortello alla lastra di Corezzo; dal 24 al 26 agosto il Gusto dei Guidi, festival del vino a Poppi; dal 7 al 9 settembre la Festa della pesca regina di Londa; il 23 settembre la Festa del tortello sulla lastra di Santa Sofia; il 29 e il 30 settembre la Festa selvaggia di Corniolo e il Mercatale del bramìto (Corezzo); il 21 e il 28 ottobre la Ballottata di Castagno d'Andrea e, il 7 e l'8 dicembre, la Festa del Grigio, presidio Slow food, a Bibbiena.
"Il premio nazionale di Legambiente/Federparchi riconosce l'impegno sulle filiere fragili, la valorizzazione delle culture locali e la salvaguardia dell'ambiente con un protocollo gestionale avanzatissimo - afferma Luca Santini, presidente del Parco -. La chiave del successo di Festasaggia - che nasce dalle migliori forze associative e del volontariato, il patrimonio più grande di questi territori - è che il produttore locale, acquisendo opportunità e remunerazione da un progetto legato alla qualità e alla tutela ambientale, ne diventa un convinto propulsore".






 

18 maggio 2018 - La compagnia teatrale " La Calverna" presenta Basta sian fiori

18 maggio 2018 
ore 21.00
Presso Circolo culturale " Enrica Rainetti"
 di Castagno d' Andrea
 La compagnia teatrale " La Calverna" 
presenta Basta sian fiori
Commedia brillante in tre atti di Massimo Valori
Prevendita dei biglietti presso il circolo arci


Di Comune In Comune - Calendario incontri pubblici

Percorso di partecipazione sull’ipotesi di fusione dei Comuni di Dicomano e San Godenzo
Le amministrazioni di Dicomano e San Godenzo hanno deciso in collaborazione con ANCI Toscana e con il contributo della Regione Toscana nella forma dell’Autorità regionale per la garanzia e la Promozione della Partecipazione, di avviare un percorso partecipativo sull’ipotesi di fusione dei due Comuni e sulla relativa possibilità di costituzione e progettazione di un ente unico.
Il percorso nasce dal riconoscimento del valore di un ruolo attivo della cittadinanza nella discussione pubblica e nella decisione sull’ipotesi di fusione, al fine di far emergere e raccogliere punti di vista, ragioni e argomenti, nonché idee e priorità dei diversi attori del territorio circa i progetti e le linee di sviluppo più importanti per il territorio.
Dopo gli incontri con le categorie economiche e le associazioni del territorio che si sono svolti in Aprile, invitiamo tutti i cittadini a partecipare agli appuntamenti previsti per questo importante momento di informazione e riflessione per le comunità:
INCONTRO PUBBLICO: 
Mercoledi 9 Maggio alle ore 21 presso il Circolo Parrocchiale Don Bosco a San Godenzo
Mercoledi 16 Maggio alle ore 21 presso gli Ex Macelli a Dicomano
A seguito di questi incontri, supportati da facilitatori esperti di Sociolab Ricerca Sociale,  saranno
elaborate linee guida per la definizione partecipata del Comune unico che verranno presentate all’intera
cittadinanza in un incontro pubblico di restituzione Giovedì 31 maggio, alle 21 presso Ex Macelli, Dicomano.



I disegni dei nostri bambini a @mugellodafiaba

I disegni dei nostri bambini a mugellodafiaba 






Convegno: "La prevenzione degli incendi boschivi"

Convegno: "La prevenzione degli incendi boschivi"

 Sala Pegaso - Palazzo Sacrati Strozzi Piazza Duomo 10, Firenze

 

La Regione Toscana e la Fondazione spagnola Pau Costa promuovono due giornate dedicate alla prevenzione degli incendi boschivi e al confronto tra le esperienze internazionali messe a punto in Spagna, Irlanda, Scozia e Australia.
Si tratterà di un'occasione di scambio sui temi del contrasto ai grandi incendi forestali tra amministratori e tecnici provenienti oltre che dalla Toscana, da numerose regioni italiane ed europee e saranno, inoltre, presentate le modifiche recentemente introdotte alla legge forestale e le finalità dei Piani di prevenzione dell'Organizzazione regionale antincendi boschivi.
► Il 17 maggio si svolgerà un incontro tecnico nel complesso demaniale di Rincine (Londa, Firenze) sugli interventi di prevenzione antincendi boschivi.
 Per partecipare alla giornata del 18 maggio è necessario prenotarsi entro il 15 maggio inviando una mail a: antincendi.boschivi@regione.toscana.it

Il Convegno del 18 maggio avrà il seguente programma:


09:00 Registrazione e caffè di benvenuto

09:30 Indirizzi di saluto: Marco Remaschi, Assessore regionale Agricoltura e Foreste

10:00 I cambiamenti relativi ai grandi incendi boschivi: Asier Larranaga, Ispettore Unità GRAF di Catalogna.

10:30 Dallo spegnimento all'analisi degli incendi boschivi, i punti strategici: Sebastien Lahaye, Responsabile del progetto Safe Cluster in Francia e Ricercatore associato in Australia.

11:15 Presentazione modifiche L.R. 39/00 e indicazioni sul percorso intrapreso da Regione
Toscana in tema di prevenzione AIB: Sandro Pieroni, Dirigente Settore Forestazione
Regione Toscana.

11:45 Presentazione Piano di prevenzione AIB delle pinete litoranee di Grosseto: Giacomo
Pacini, Settore Forestazione Regione Toscana.

12:15 Individuazione e trattamento dei punti strategici di gestione per la prevenzione AIB
in Catalogna: Francesc Flores, Dipartimento di Barcellona.

12:45 Pausa pranzo

14:30 Lavoro congiunto del Dipartimento forestale e dei Vigili del Fuoco nella legge di prevenzione incendi in Irlanda del Nord: Colum McDaid, Agenzia per l'Ambiente dell'Irlanda del Nord.

15:00 Esperienze nella creazione dello Scottish Wildfire Forum: Michael Bruce, Vicepresidente Scottish Wildfire Forum.

15:30 Conclusioni: Enrico Rossi, Presidente Regione Toscana.

 


17 maggio 2018 – Centro Polifunzionale di Rincine, Londa (Firenze)
La prevenzione degli incendi boschivi in Toscana (incontro tecnico)
 
Programma:
10.30 Presentazione Complesso Polifunzionale e attività forestali e AIB di Rincine (T.Ventre)

10.50 Presentazione dell'iniziativa di prevenzione di Regione Toscana e Fondazione Pau Costa

11.00 Strategie e buone pratiche AIB condotte in Toscana (S. Pieroni)

11.10 Nuovi approcci di processi partecipativi: l'esempio della Foresta Modello Montagne Fiorentine (S. Berti) e delle Forest Wise Community (G.Calvani)

11.40 Presentazione della visita in bosco del pomeriggio con illustrazione delle pratiche di prevenzione AIB (punti di forza e di debolezza) (D. Bacci - I. Battaglini)

12.00 Commenti e domande

12.15 Pausa pranzo

14.00 visita al Complesso di Rincine:
  • Interventi di fuoco prescritto in popolamenti di pino nero e pino silvestre
  • Gestione viali parafuoco del complesso
  • Interventi di riduzione del combustibile in rimboschimenti di conifere
  • Attività di formazione per gli operatori forestali nelle attività di prevenzione
  • Focus su quanto visto nel corso della giornata
16.30 Conclusione dei lavori

venerdì 11 maggio 2018

Agevolazioni tariffarie nelle prossime bollette

Agevolazioni tariffarie nelle prossime bollette

Per coloro che nei mesi scorsi ne hanno fatto richiesta ai propri comuni di residenza

Informiamo i cittadini dei 46 Comuni ( tra cui San Godenzo)  dove Publiacqua gestisce il servizio e che nei mesi scorsi hanno fatto richiesta ai propri Comuni di residenza per ottenere le agevolazioni tariffarie, che i nostri uffici stanno provvedendo ad inserire nelle fatture tali agevolazioni e che quindi esse arriveranno agli aventi diritto nelle prossime settimane, secondo il ciclo di fatturazione dell’azienda.