Benvenuto

Benvenuto nel sito “Insangodenzo”, questo sito raccoglie tutte le informazioni sugli operatori turistici, attività commerciali, artigiani e piccoli produttori agricoli, news curiosità e quant'altro riguarda gli eventi nel comune di San Godenzo.

IN TOSCANA, al confine tra MUGELLO e VAL DI SIEVE, prendendo da DICOMANO la direzione verso FORLì, dopo circa 10 chilometri quasi al confine con la ROMAGNA , tra la valle dell'ACQUA CHETA ed il MONTE FALTERONA, troviamo il paese di SAN GODENZO, nella cui famosa abazia nel 1302 DANTE ALIGHIERI convenne con gli esuli guelfi bianchi e Ghibellini.

SAN GODENZO comune della MONTAGNA FIORENTINA ha una notevole estensione territoriale ed ha un dislivello tra il punto più alto (M. Falco, m 1658) e quello più basso (oltre Ponte alla Corella, m 240) di oltre 1400 metri, mostrando delle caratteristiche rudemente alpestri, con monti strapiombanti e profonde vallate. Dal territorio del Comune di San Godenzo, nella frazione de Il CASTAGNO D'ANDREA è possibile entrare nell'area protetta del PARCO NAZIONALE FORESTE CASENTINESI, MONTE FALTERONA e CAMPIGNA, una tra le piu'suggestive porte del versante fiorentino del Parco.

venerdì 17 novembre 2017

Aziende agricole e caseifici. Controlli a tappeto in tutta la provincia di Firenze. Cosa hanno trovato

Aziende agricole e caseifici. Controlli a tappeto in tutta la provincia di Firenze. Cosa hanno trovato
Condotti dai Carabinieri Forestali e dai Carabinieri. Si tratta di numerosi controlli volti alla prevenzione e repressione di frodi in commercio, irregolarità nella produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agroalimentari ed alla tutela delle produzioni di qualità.
Ambiti prioritari di intervento di questa campagna sono stati: la verifica della tracciabilità della filiera dei prodotti da agricoltura biologica, il controllo di siti di produzione e lavorazione in ambito lattiero caseario (caseifici, stabilimenti di produzione e trasformazione del latte, ecc), il controllo di allevamenti intensivi di animali da reddito, la filiera dei prodotti provenienti da paesi extra UE, la tutela del patrimonio forestale e la corretta gestione delle utilizzazioni boschive, la tutela della fauna selvatica.
I controlli hanno interessato molteplici aspetti: condizioni strutturali, igienico sanitarie, gestione scarichi e rifiuti, requisiti dei prodotti, normativa sul lavoro, tracciabilità e specifiche previsioni di ciascun settore tra cui quelle sul trasporto e benessere degli animali e sulle denominazioni di qualità (contraffazione di marchi di qualità dei prodotti agroalimentari con riferimento a DOC, DOCG, DOP, IGP e IGT.), sull’igiene degli alimenti.
Tra le varie violazioni i militari hanno riscontrato:
• Il deposito presso un Caseificio di oltre 70 forme di formaggio, prive di qualsiasi etichettatura o altro mezzo di identificazione atto a garantire la rintracciabilità del prodotto. Il prodotto alimentare è stato sottoposto a sequestro, sottratto alla commercializzazione, ed il titolare dell’azienda sanzionato in via amministrativa per omessa garanzia di rintracciabilità del prodotto.
• L’irregolare utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide provenienti da frantoio oleario, mediante spandimento su terreni coltivati ad Oliveto, in violazioni della normativa a tutela delle foreste, delle biodiversità, delle riserve naturali, del paesaggio e dell’ecosistema.
• Irregolarità in esito ad una verifica presso una azienda agricola che produce olio extravergine di oliva biologico IGP: in particolare irregolarità sul prodotto giacente in azienda sia sfuso che confezionato e sulla tenuta dei registri di carico e scarico. Il titolare dell’azienda, integrato il reato di cui all’art. 517 quater C.P. “ Contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari” è stato deferito all’autorità giudiziaria e più di 100 bottiglie di olio, sottoposte a sequestro penale preventivo.
• L’irregolare tenuta e conservazione di farmaci ad uso zootecnico e la mancata tracciabilità dei capi presso 2 allevamenti di animali da reddito.
• La presenza di lavoratori irregolari in due aziende, che sono state oggetto di ulteriori verifiche ed accertamenti dei reparti specializzati dell’Arma.
In contemporanea ai controlli presso le aziende, i militari hanno svolto anche numerosi controlli su strada, indirizzati alla verifica della correttezza dei trasporti alimentari nei medesimi ambiti prioritari di intervento.
La campagna avviata a settembre è tutt’ora in corso. Ad oggi sono state elevate sanzionati sia in via amministrativa che penale per importi superiori ai 10.000 euro. Complessivamente sono state controllate in Provincia di Firenze 16 aziende (per complessive 26 verifiche in materia di produzioni e certificazioni biologiche, allevamenti intensivi, caseifici) e svolti 9 posti di controllo trasporto merci alimentari su strada.

Presentazione del libro "DIETRO LA COLLINA, C'era una volta sul Carso quasi una canzone" di Fabio Pignotti

Presentazione del libro 

"DIETRO LA COLLINA,

 C'era una volta sul Carso quasi una canzone" 

di Fabio Pignotti



Sabato 18 novembre 2017 ore 17.30
Sala Comunale di San Godenzo
Interventi di: 
Riccardo Benvenuti (giornalista per Headline),
Cleto Zanetti (Presidente della sezione Carabinieri in congedo di San Godenzo)
Gianni Celoni (Presidente dell'associazione Paese delle Meraviglie,
curatrice della Biblioteca di San Godenzo)


giovedì 16 novembre 2017

Truffe agli anziani in Valdisieve, Segnalati tentativi di falsi avvocati e " truffa dello specchietto"

Truffe agli anziani in Valdisieve, Segnalati tentativi di falsi avvocati e " truffa dello specchietto"

" Pronto Signora suo figlio è stato coinvolto in un incidente che ha provocato danni a persone o case, sono un avvocato se provvede a pagare immediatamente le spese evitiamo la denuncia penale"

Questa è la sintesi di una telefonata che è stata segnalata da alcuni cittadini in Valdisieve al Corpo della Polizia Municipale.Per il momento sono stati solo dei casi sporadici, ma dobbiamo prestare attenzione.
La truffa è semplice: il sedicente avvocato si premura di chiedere i soldi alle vittime promettendo che si incaricherà di risolvere le controversie per chiudere un sinistro a carico del figlio.
Il truffatore però non è sprovveduto si informa precedentemente dello stato di famiglia, sul nucleo familiare, sull'età, data di nascita e generalità della vittima della truffa. Fissa poi un incontro immediato e si fa consegnare il denaro, andandosene indisturbato. Una vera e propria truffa lampo che viene portata a termine in meno di mezzora che fa leva sull'emotiva dei genitori preoccupate del proprio figlio e messi alle strette in tempi strettissimi, con insistenza.
Si raccomanda a chi riceva una telefonata " particolare" o avesse richieste di denaro per evitare controversie relative a " falsi" incidenti di avvertire il 112 o la Polizia Municipale ( Tel 055837381 cell 3358335921) per denunciare l'accaduto e di non consegnare soldi a nessuno il racconto rivolgendosi direttamente a parenti o ad amici


mercoledì 15 novembre 2017

Protezione Civile a San Godenzo, per raggiungere famiglie isolate.

Protezione Civile a San Godenzo, 
per raggiungere famiglie isolate.
Le nevicate hanno messo a dura prova anche il Comune di San Godenzo. Alcune famiglie risultano isolate. La Protezione civile della Città metropolitana di Firenze sta intervenendo per raggiungere queste famiglie rimaste isolate a causa della neve e della caduta di alberi.

Meno soldi per infissi e caldaie, vince chi ha il terrazzo: fisco e casa come cambiano le detrazioni dal 2018

Meno soldi per infissi e caldaie, vince chi ha il terrazzo: fisco e casa come cambiano le detrazioni dal 2018

Arriva il bonus verde. La guida: i lavori da fare subito e quelli da rinviare  da Gennaio in poi

Corsa contro il tempo per approfittare del bonus mobili se la casa è stata ristrutturata nel 2016. E chi ha in mente di cambiare gli infissi o la caldaia dovrà pagare i lavori entro il 31 dicembre se vuol ancora approfittare dell'ecobonus al 65%. Con la legge di Bilancio per il 2018, infatti, si annunciano novità per alcune detrazioni destinate ad essere in parte rimodulate. In compenso arriva il bonus verde per risistemare terrazzi e giardini, anche in condominio. Le norme sono all'esame del Parlamento, e non sono escluse novità. E' bene, però, preparasi per evitare di perdere le migliori occasioni.

Come cambia il bonus mobili. Il bonus mobili è stato confermato anche per il 2018, ma nella versione più restrittiva già introdotta dallo scorso anno, per cui si applicherà solo in caso di lavori recenti. L'agevolazione consiste nella detrazione, in 10 anni, del 50% della spesa per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici da destinare ad immobili ristrutturati. Previsto un tetto massimo di spesa di 10.000 euro per ciascun appartamento. Per chi acquista mobili nel 2018 la detrazione è ammessa solo in caso di lavori  iniziati dal 1° gennaio 2017, o effettuati nel 2018.
Chi ha ristrutturato casa nel 2016, invece, non potrà più godere della detrazione per gli acquisti che dovesse effettuare il prossimo anno. Sarà quindi il caso di procedere subito con i nuovi arredi.

Infissi e riscaldamento autonomo. Corsa alla spesa anche per chi ha in mente di cambiare le finestre o la caldaia. Il governo ha infatti deciso di ridurre dal 65% al 50% l'ecobonus per questi interventi. La decisione è stata presa con l'obbiettivo di incentivare i lavori sugli immobili in grado di assicurare un maggior risparmio energetico come quelli di isolamento termico dell'intero immobile. Quindi per approfittare del bonus del 65% su infissi, caldaie a condensazione o a pellet occorre fare in fretta. C'è però da dire che se il Parlamento non introdurrà modifiche alla norma, si potrà almeno risparmiare sulla burocrazia, evitando di effettuare la pratica all'Enea. A parità di aliquota di detrazione, infatti, sarà molto più semplice chiedere l'agevolazione nell'ambito delle detrazioni per ristrutturazione senza ulteriori complicazioni.

Risparmio ridotto anche per le schermature solari. Scenderà al 50% anche la detrazione per l'installazione di tende e altre strutture per terrazzi e balconi destinate a ridurre l'ingresso del calore in casa, e di conseguenza l'uso dei condizionatori. Bisogna fare in fretta, quindi, se si tratta di interventi già in programma, per poter usufruire ancora del 65%. Viceversa chi ha in progetto interventi per migliorare la vivibilità del proprio terrazzo farà bene a rinviare la spesa per approfittare del nuovo “bonus verde”.

Detrazione per piante e giardinaggio. La nuova agevolazione spetta per la sistemazione a verde di balconi, terrazzi, lastrici solari e giardini, privati o condominiali. Lo sconto fiscale è previsto per l'acquisto e messa a dimora di nuove piante e per le relative spese di manutenzione, ma anche per l'installazione di impianti di irrigazione e la realizzazione di pozzi. Previsto un limite di spesa di 5.000 euro e un'aliquota del 36%. La detrazione, che può quindi arrivare ad un massimo di 1.800 euro, è da ripartire anche in questo caso in 10 rate annuali.




18 Ottobre “Percorsi della Memoria” - Tre appuntamenti che daranno vita ad una giornata ricca di emozioni e di storia.

“Percorsi della Memoria”

Sabato 18 novembre 2017

Tre appuntamenti che daranno vita ad una giornata ricca di emozioni e di storia.

ore 9,00
ESCURSIONE - “Verso il Passo del Muraglione”
Ritrovo - P.za Municipio, 1  - San Godenzo (FI)
Rientro previsto ore 16,00 ca.
Itinerario escursionistico: San Godenzo, Fontilucci, Poggio del Cavallino, Muraglione e ritorno
Difficoltà Escursionistico, lunghezza  8 km. Dislivello in salita 430 mt.
Pranzo al sacco a cura dei partecipanti
Info e prenotazioni: Centro Visita Castagno d’Andrea (FI) cell. 3487375680
email: cv.castagnodandrea@parcoforestecasentinesi.it
Ore 11,00
Inaugurazione dell'opera di land art
"Segmenti di Linea Gotica" di Ivano Cappelli
Un'opera che coniuga Arte. Ambiente e Memoria.
Ore 17,30
Presentazione del libro "DIETRO LA COLLINA, C'era una volta sul Carso, quasi una canzone" di Fabio Pignotti.
Sala Comunale di San Godenzo
Interventi di: Riccardo Benvenuti (giornalista per Headline),
Cleto Zanetti (Presidente della sezione Carabinieri in congedo di San Godenzo)
Gianni Celoni (Presidente dell'associazione Paese delle Meraviglie, curatrice della Biblioteca di San Godenzo)


martedì 14 novembre 2017

Mense del Mugello sicure e controllate

Mense del Mugello sicure e controllate

Nota congiunta Comune Borgo S. Lorenzo, Comune Dicomano, Unione Comuni Mugello

In merito a quanto divulgato dai media, sulla presunta implicazione delle nostre mense e le presunte frodi effettuate dal fornitore in causa, vogliamo rassicurare gli utenti del servizio sul fatto che ad oggi non è arrivata nessuna comunicazione da parte degli Enti preposti alle indagini circa lotti di merce alterata destinati alle nostre strutture. I Comuni sono dotati di un severo “piano di autocontrollo Igienico-Sanitario” redatto secondo il sistema HACCP, che indica gli stretti parametri da rispettare in ogni ambito fin dall’arrivo della merce.
Nello specifico, presso le cucine vengono svolti quotidianamente e periodicamente controlli sulle merci (etichette, temperature, confezionamento, tracciabilità) in base alle indicazioni di conformità stabilite dai regolamenti della Comunità Europea avvalendosi, per l'igiene degli alimenti, anche di consulenti esterni; periodicamente vengono effettuati campionamenti di alimenti, analizzati in seguito da laboratori autorizzati allo scopo di verificarne l'idoneità; annualmente le cucine vengono sottoposte a controlli da parte dell'Igiene Pubblica e non sono mai state segnalate "non conformità" sulle merci utilizzate e sulle procedure adottate.
I Comuni di Dicomano e Borgo S. Lorenzo, per l’individuazione dei fornitori delle mense comunali, hanno aderito all’accordo quadro che l’Unione dei Comuni del Mugello ha curato nel 2015 per 4 Comuni. Tale accordo ha consentito di poter mettere a gara grandi quantitativi di prodotti tenendo alta la qualità della merce richiesta. Sono fissate, nello specifico, precise caratteristiche merceologiche e organolettiche, parti e tagli ad esempio, e caratteristiche igienico-sanitarie con rigidi requisiti, come: carni di animali nati ed allevati in Italia e macellati in stabilimenti a norma Ce, marchio e certificazione di conformità, unico metodo di conservazione la refrigerazione, dalla produzione fino alla consegna in maniera costante e ininterrotta, confezionamenti e imballaggi con protezione efficace delle carni, etichettatura Ce e garanzia di rintracciabilità, veicoli di trasporto adeguati e conformi alle normative in materia.
I Comuni di Borgo S. Lorenzo e Dicomano hanno inoltre nominato un responsabile per la sicurezza alimentare che garantisce il rispetto del manuale HACCP, lo verifica e aggiorna, esegue controlli e ispezioni, anche a sorpresa, settimanalmente presso la cucina centralizzata, la cucina del nido e presso i refettori delle scuole. A seguito di questi controlli segnala all’amministrazione eventuali necessità di interventi su arredi, locali, strutture.
Le Amministrazioni hanno inoltre prima sostenuto la nascita della Commissione Mensa e dopo lavorato per far crescere la collaborazione. La Commissione è autorizzata ad effettuare sopralluoghi e verifiche proprio nei refettori e nella cucina.
Da non dimenticare, per il Comune di Borgo San Lorenzo, l’approvazione  della “Carta dei servizi della mensa” che illustra gli standard di qualità a cui l’Amministrazione si impegna di attenersi nei confronti delle famiglie.
Periodicamente vengono anche effettuati controlli dell’ambiente e della merce da parte tanto dell’ASL quanto della dietista che, avvalendosi di un laboratorio di analisi esterno e accreditato dalla Regione Toscana, preleva tamponi per appositi riscontri.
Nel Maggio del 2016, inoltre, NAS hanno effettuato controlli accurati e richiesto informazioni sulle forniture; niente è stato trovato, accertato o contestato in tale ispezione.
Da precisare che dalla ditta oggetto di indagine non viene fornita carne bovina, suina e vitella, che, come si può evincere dall’esito di gara dell’Unione Montana dei Comuni del Mugello, è acquistata dalla Cooperativa Agricola di Firenzuola, impresa che non aveva invece presentato offerta per la carne avicola.
Ribadiamo che al momento è stata provvisoriamente apportata una variazione al menù della mensa, nei prossimi giorni non verranno quindi somministrati prodotti avicoli; mentre sono in fase di verifica ulteriori possibilità per soluzioni a lungo termine.
Non risultano in giacenza scorte da tale ditta perché la merce deperibile viene acquistata con ordini bisettimanali per garantirne sempre la freschezza.
Rispetto alla vicenda le Amministrazioni di Borgo San Lorenzo, Dicomano e l’Unione dei Comuni, intendono rivolgere a chi di competenza ulteriori richieste di informazioni per poter acquisire altri elementi di chiarezza; inoltre, sulla base degli obblighi indicati nell'appalto, si riservano di valutare le azioni più opportune da intraprendere a tutela in primis degli utenti e non ultimo della propria immagine, sarà per questo valutata ogni ulteriore azione ritenuta necessaria.