Benvenuto

Benvenuto nel sito “Insangodenzo”, questo sito raccoglie tutte le informazioni sugli operatori turistici, attività commerciali, artigiani e piccoli produttori agricoli, news curiosità e quant'altro riguarda gli eventi nel comune di San Godenzo.

IN TOSCANA, al confine tra MUGELLO e VAL DI SIEVE, prendendo da DICOMANO la direzione verso FORLì, dopo circa 10 chilometri quasi al confine con la ROMAGNA , tra la valle dell'ACQUA CHETA ed il MONTE FALTERONA, troviamo il paese di SAN GODENZO, nella cui famosa abazia nel 1302 DANTE ALIGHIERI convenne con gli esuli guelfi bianchi e Ghibellini.

SAN GODENZO comune della MONTAGNA FIORENTINA ha una notevole estensione territoriale ed ha un dislivello tra il punto più alto (M. Falco, m 1658) e quello più basso (oltre Ponte alla Corella, m 240) di oltre 1400 metri, mostrando delle caratteristiche rudemente alpestri, con monti strapiombanti e profonde vallate. Dal territorio del Comune di San Godenzo, nella frazione de Il CASTAGNO D'ANDREA è possibile entrare nell'area protetta del PARCO NAZIONALE FORESTE CASENTINESI, MONTE FALTERONA e CAMPIGNA, una tra le piu'suggestive porte del versante fiorentino del Parco.

martedì 22 maggio 2018

Raccolta dell’organico, possibili disagi nei Comuni serviti da AER


Raccolta dell’organico, possibili disagi nei Comuni serviti da AER




Causa problemi sugli impianti di recupero materiale organico anche nei sette comuni della Valdisieve e del Valdarno fiorentino serviti da AER Spa potranno verificarsi disservizi rispetto al servizio di igiene urbana.
Appresa la notizia dell’interruzione di conferimento FORSU (frazione organica del rifiuto solido urbano) all’impianto di casa Rota nel Comune di Terranuova Bracciolini per causa di forza maggiore e vista la conclamata saturazione di molti impianti a livello regionale anche AER potrebbe avere problemi di gestione. L’Azienda, ad oggi, si impegna a garantire il rispetto dei calendario di ritiri giornalieri nei Comuni gestiti con raccolta porta a porta dei rifiuti urbani, mentre gli uffici stanno verificando soluzioni e destinazioni alternative ai flussi di rifiuti.
AER, confermando il massimo impegno nel continuare a ricercare possibili soluzioni al problema, si scusa fin da oggi con gli utenti dei comuni di San Godenzo, Dicomano, Londa, Rufina, Pontassieve, Pelago e Reggello, ed invita coloro che sono in possesso di compostiera ad incentivarne l’utilizzo ed alla massima collaborazione in merito.


CERCASI INFERMIERE PROFESSIONALE

CERCASI INFERMIERE PROFESSIONALE
La Residenza Sanitaria Nuova Villa Rio in San Godenzo (FI) cerca 1 Infermiere Professionale da inserire nel proprio organico.
Si prega di inviare Curriculum via mail a: amministrazione@nuovavillario.it o via fax al n. 055/8374454


A1, chiusa l'uscita della stazione di Firenze Impruneta

Sulla A1 Milano-Napoli, dalle ore 22:00 di giovedì 24 alle ore 04:00 di venerdì 25 maggio, sarà chiusa l'uscita della stazione di Firenze Impruneta, per chi proviene da Roma.

L'uscita sarà chiusa, come comunica Autostrade, per lavori di ripristino della segnaletica verticale. 

In alternativa Autostrade consiglia di uscire alla stazione autostradale di Firenze sud. 


Sabato 26 maggio ore 21.00 " la guerra del Gaddus"

Sabato 26 maggio ore 21.00, 
per gli eventi della mostra : 
"In memoria dei ragazzi di San Godenzo 1915-1917" 
un appuntamento  da non perdere con il teatro, con la memoria e con la passione di giovani che non vogliono far dimenticare.


lunedì 21 maggio 2018

Redditi e case in Mugello e Valdisieve

Redditi e case in Mugello e Valdisieve

Recentemente l’Irpet ha messo a disposizione degli enti locali un osservatorio territoriale attraverso il quale è possibile conoscere tutta una serie di dati relativi ai singoli comuni e ad aree omogenee che sono indispensabili ai fini di una corretta programmazione urbanistica e di importanti scelte amministrative.
In questa occasione mi limiterò ad analizzare solo tre aspetti che ritengo essere di fondamentale importanza ovvero il reddito, il tasso di occupazione e il numero di abitazioni in rapporto alla popolazione.
I dati riportati nelle schede Irpet non sono tutti riferiti agli stessi anni e per alcuni il riferimento è sempre il censimento Istat, ma sono comunque indicativi per capire come il Mugello e la Valdisieve si stanno evolvendo e quali sono le differenze all’interno dello stesso territorio.

Intanto va notato che il Mugello e la Valdisieve insieme denunciano un reddito ai fini Irpef di oltre un miliardo e mezzo di euro ( che è circa quanto il Pil del solo Mugello) con variazioni nelle dichiarazioni del singolo contribuente anche molto significative.
In testa alla nostra gradutoria dei redditi irpef per contribuente troviamo Vaglia con quasi 20.000 euro ed è abbastanza comprensibile essendo fatto un comune periferico dell’area fiorentina , la più ricca della regione Toscana. Ma al secondo posto troviamo il comune di Londa con 18.716 euro. In una realtà con pochi abitanti la presenza di alcuni contribuenti facoltosi alza la media.
Al terzo e quarto posto si collocano i due capoluoghi delle zone ovvero Pontassieve e Borgo divise da appena 100 euro 18.453 la prima e 18.346 Borgo. Sopra quota 18.000 seguono Scarperia e San Piero (18.275), Rufina (18.191), Pelago (18.136), Barberino (18.123) mentre più staccati troviamo Dicomano (17.472), Vicchio 17.281. Sotto quota 17.000 troviamo i comuni montani con Palazzuolo sul Senio a 16.670, San Godenzo 16.488, Marradi 16.480 e infine Firenzuola a 15.707. Sono differenze significative per comuni dove le difficoltà di amministrare sono sicuramente maggiori che non in realtà di fondovalle.
I comuni montani fanno però registrare risultati migliori di molti altri comuni più importanti sul tasso di occupazione. Ad esempio Palazzuolo ha un tasso di occupazione maschile del 68,7 e femminile del 62,6 mentre Borgo San Lorenzo si ferma la 65,9 per i maschi e addirittura la 59,2 per le femmine ( solo Londa fa peggio con il 56,5). Il comune con i dati migliori è Rufina con un tasso maschile del 69,1 e quello femminile del 63,1, ma sopra il 68 ci sono anche Marradi, Firenzuola e Scarperia. San Godenzo si avvicina al tasso di Borgo per gli uomini (65.5) ma fa molto meglio con le donne al 61,8% così come Marradi 62,3 ( Firenze ha un tasso di occupazione femminile del 62,3 e quello maschile al 67). Oltre al tasso di occupazione che è fondamentale conta ovviamente anche la qualità del lavoro che necessiterebbe di ben altre analisi per capire come un alto tasso di occupazione, per esempio a Firenzuola, si rapporti al livello di reddito più basso.
Un dato interessante contenuto nelle schede Irpet è quello relativo al numero di abitazioni disponibili per singolo comune in rapporto al numero di famiglie residenti. In un momento in cui si sta discutendo, per esempio in Mugello, di piani strutturali non più per singolo comune ma di area vasta, questo dato permette di valutare la necessità di future edificazioni a fini abitativi.
Ebbene i dati ci dicono che le abitazioni disponibili sono ben superiori delle famiglie residenti e, tenendo conto di una tendenza demografica di sostanziale stallo, dovrebbero consigliare di evitare inutili sprechi di territorio e inutili cementificazioni.
Per 100 famiglie residenti ci sono 113 abitazioni a Pontassieve che essendo quasi una periferia dell’area fiorentina è quello sicuramente  sottoposto alla maggiore pressione. Ma si sale già a 120 perfino a Vaglia e superano questa soglia anche Borgo, Scarperia e San Piero ,Barberino e Rufina. Se Dicomano arriva a 123,7 , Vicchio supera 134 e i comuni montani e periferici hanno un patrimonio immobiliare nettamente superiore rispetto alle famiglie residenti con Londa 161,8, Marradi 161, San Godenzo 193 , Firenzuola 214 e Palazzuolo 215.
Questo non significa che non esista un problema casa per molte famiglie ma che parte di questo patrimonio potrebbe essere reecuperato proprio per dare una risposta alla domanda di edilizia residenziale pubblica che oggi non trova una risposta adeguata.

Temporali, prorogata fino a domani l'allerta gialla per rischio idrogeologico

Temporali, prorogata fino a domani l'allerta gialla per rischio idrogeologico

Interessati i corsi d'acqua secondari: in particolare Ema, Mugnone e Terzolle 

Prorogata fino a domani l'allerta gialla per temporali forti e conseguente rischio idrogeologico/idraulico nel cosiddetto 'reticolo minore' che comprende i corsi d'acqua secondari (soprattutto Ema, Mugnone e Terzolle). 
Lo segnala il centro funzionale regionale nel nuovo bollettino di valutazione delle criticità per la zona che riguarda sia il Comune di Firenze che quelli di Bagno a Ripoli, Fiesole, Greve in Chianti, Impruneta, Lastra a Signa, Pontassieve, San Casciano in Val di Pesa, Scandicci e Tavarnelle Val di Pesa. 
L'allerta scattata alle 12 di oggi, lunedì 21 maggio, si concluderà alla mezzanotte di mercoledì 23 maggio. 

Oggi, lunedì, e domani, martedì, la pressione sul Mediterraneo centro occidentale è in lento calo; la progressiva instabilizzazione dell'atmosfera e il transito di una linea di instabilità renderanno possibili temporali anche forti sia oggi, lunedì, che domani, martedì. 
PIOGGIA E TEMPORALI FORTI: 
oggi, lunedì, nel corso del pomeriggio temporali sparsi anche forti più probabili sulle zone interne; in serata precipitazioni diffuse con temporali sparsi, localmente forti, più probabili sul nord ovest, Valdarno Inferiore e costa centro settentrionale. 
Cumulati: medi fino a significativi su tutte le aree. Massimi puntuali fino a elevati, intensità oraria fino a molto forte. 
Domani, martedì, piogge diffuse durante la notte con possibilità di temporali sparsi, localmente forti, più probabili sul nord ovest, Valdarno inferiore e costa centro settentrionale. Nel corso della mattina temporanea attenuazione dei fenomeni. Dal pomeriggio nuova instabilizzazione con possibili temporali sparsi anche forti e associati a grandinate e forti raffiche di vento, più probabili sulle zone interne centro-settentrionali. 
Cumulati: medi fino a significativi su tutte le aree. 
Cumulati massimi: fino a elevati più probabili sulle zone interne, sul nord ovest, sul Valdarno Inferiore e sul litorale centro settentrionale, con intensità oraria fino a molto forte. 

Per informazioni sui fenomeni previsti: 
http://www.regione.toscana.it/allertameteo 
http://www.cfr.toscana.it 

Per informazioni sui rischi e su come comportarsi: 
http://www.regione.toscana.it/-/rischio-idrogeologico-idraulico 



In memoria dei giovani di San Godenzo nella Grande Guerra 1915-1918

Dal 25 maggio in memoria dei ragazzi di San Godenzo
1915-1918
Tante iniziative, tante storie da raccontare